Comunione ai divorziati: il “Non possumus” dei cardinali a Bergoglio

800px-San_Pietro_in_Vaticano_001

Cinque cardinali rispondono “No” alle aperture di Papa Bergoglio. In uscita un libro in cui si ribadisce una posizione contraria in merito alla possibilità di amministrare la comunione ai divorziati.

Cinque cardinali oppongono un deciso “No” alle aperture di Papa Francesco verso i divorziati. La celebre locuzione latina “Non Possumus” riecheggia sullo sfondo delle tesi esposte in un libro dal titolo di per sé significativo: Permanere nella verità di Cristo, matrimonio e comunione nella Chiesa cattolica.

Una risposta netta e oppositoria nei confronti della linea d’apertura offerta dal cardinale tedesco Walter Kasper, che su incarico del Pontefice, lo scorso febbraio, aveva esposto una relazione al Concistoro in cui si auspicava l’armonizzazione di “fedeltà e misericordia di Dio” verso i divorziati.

Una posizione, quella degli autori del libro, nettamente “reazionaria”. Tesi che riprendono e ribadiscono con fermezza la più tradizionale esegesi del Vecchio e del Nuovo Testamento, come pure l’interpretazione dei più importanti autori ecclesiastici del passato. In estrema sintesi, si rinnova l’inflessibile proibizione a non dividere ciò che Dio ha unito, senza possibilità di eccezioni o soluzioni “misericordiose”.

Loading...

Significativo il fatto che tali argomentazioni giungano da eminenti e influenti porporati della Santa Chiesa Romana: Gerard Ludwig Müller, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede; Raymond Leo Burke, Prefetto della Segnatura Apostolica; Carlo Caffarra, arcivescovo di Bologna. Walter Brandmüller, già presidente del Pontificio Comitato di Scienze Storiche. E da ultimo Velasio de Paolis, presidente emerito della Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede.

Chiesa che appare divisa e spaccata, pertanto, su uno dei temi più delicati e sentiti. Correnti reazionarie e forti si oppongono ai venti di rinnovamento che soffiano ormai da tempo, fin dai primi giorni del rivoluzionario Pontificato di Papa Bergoglio.

Potrebbero interessarti anche