Coronavirus: il vaccino sarà prodotto in Italia a Pomezia

Firmato il nuovo contratto di produzione di vaccini contro il coronavirus

Il vaccino contro il coronavirus sarà prodotto in Italia, esattamente a Pomezia. Lo Jenner Institute dell’Università di Oxford insieme ad Advent, comparto della IRBM di Pomezia che si occupa di vaccini, hanno avviato le procedure per i test clinici sulla produzione del primo lotto del nuovo vaccino per il Coronavirus “ChAdOx1 nCoV-19”.

Al momento l’inoculo virale è in produzione al Clinical Biomanufacturing Facility dell’Università di Oxford, ma sarà trasferito nei laboratori di Pomezia, dove inizialmente saranno prodotti 1000 dosi per i primi studi clinici su questo vaccino.

- Advertisement -

L’istituto Jenner ed il vaccino

L’Istituto Jenner ha lavorato a un vaccino contro un altro coronavirus, la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS), che ha dimostrato in un primo studio di indurre forti risposte immunitarie subito dopo una singola dose del vaccino. Un secondo studio clinico sul vaccino MERS è in corso in Arabia Saudita, dove sono avvenuti la maggior parte dei casi di MERS. Lo stesso approccio per la produzione del vaccino sarà adottato per il nuovo vaccino contro il coronavirus.

I vaccini sono prodotti usando una versione sicura di un adenovirus; un virus che può causare una comune malattia come il raffreddore. L’adenovirus è stato modificato in modo che non possa riprodursi all’interno del corpo, inoltre è stato aggiunto del codice genetico che fornisce istruzioni per la produzione della proteina Spike coronavirus, consentendo all’adenovirus di produrre questa proteina dopo la vaccinazione. 

- Advertisement -

Ciò provoca la formazione di anticorpi contro la proteina Spike, che si trova sulla superficie dei coronavirus. Gli anticorpi anti-Spike possono legarsi al coronavirus e impedire che causi l’infezione.

Le affermazioni di Piero Di Lorenzo, Ceo di Advent

“È entusiasmante e gratificante lavorare con lo Jenner Institute su questo complesso progetto di grande rilevanza per la comunità internazionale a causa della diffusione del nuovo CoronavirusAncora una volta, ed in particolare nel caso specifico grazie all’esperienza maturata da Advent e dal Consorzio CNCCS, impegnato nelle ricerche sui virus emergenti, il Gruppo IRBM si conferma in prima linea in campo internazionale nel settore della ricerca e dello sviluppo

- Advertisement -

La professoressa Sarah Gilbert dello Jenner Institute: “Utilizzeremo una tecnologia che è nota per aver funzionato bene per un vaccino contro un altro Coronavirus, siamo in grado di ridurre il tempo necessario per prepararci alla sperimentazione clinica. La collaborazione con Advent ci permetterà di realizzare questo obiettivo il più rapidamente possibile“.

Lorita Russo
Lorita Russo
Social media specialist, Seo Specialist, specializzata in tecnologia, scienza e cucina. Sono un influencer e reviewer, amante della lettura umanistica e dei problemi sociali. Ho un sito di cucina Facili idee e il gruppo Facebook che conta ben 150 mila follower