Corteo degli operai Whirpool a Napoli

Corteo degli operai Whirpool a Napoli

Oggi 25 settembre si è tenuto il corteo degli operai Whirpool, a Napoli. I lavoratori dell’azienda hanno partecipato in massa, per scioperare in attesa di saperne di più sul loro futuro. Infatti gli operai sono in attesa della scelta dei vertici di cedere la fabbrica ad un’azienda Svizzera.  A rischio ci sono i 412 dipendenti dello stabilimento.

l’organizzazione della manifestazione

I manifestanti hanno iniziato la loro manifestazione dalla metro di Mergellina, dove un gruppo di Potere al Popolo ha messo dei manifestanti recante la scritta “Community Day – Special edition. Il nostro credere nella comunità forti e nelle connessioni di luoghi in cui operiamo è importante. Per questo, nel 2019, abbiamo ripagato il lavoro di 420 operai con il licenziamento

Gli operai hanno indosso una maglietta con la scritta “Whirpool Napoli non mollae proseguiranno a piedi per raggiungere il consolato americano.

Altissima adesione al corteo da parte dei lavoratori

Le testimonianze degli operai hanno descritto un clima teso, in azienda vi è un “muro contro muro” tra operai e dirigenti.

Impegnati nelle manifestazioni di questi giorni, quasi il 100% degli operai, compresi i lavoratori interinali.

La messa in discussione del piano industriale del 2018, però, non riguarda solo il sito produttivo nel napoletano ma anche Comunanza e Siena. Sono tutti presagi, secondo i lavoratori, di abbandono da parte della Whirpool dell’intero territorio italiano.

Pochi giorni fa, un gruppo di lavoratori ha inoltre bloccato l’autostrada Salerno-Napoli, all’altezza del casello di ingresso della A3, lo stesso giorno in cui si è svolto l’incontro al ministero dello sviluppo economico fra governo, azienda e sindacati. Il summit, però, non sembra aver dato i risultati sperati e gli operai continuano a manifestare da giorni.

Leggi anche: Assenze giustificate per gli studenti che scioperano per il clima