Covid-19 e truffe sul web, in aumento del 400%

L'associazione dei consumatori consumerismo no profit denuncia l'impennata del 400% delle truffe online: ecco i metodi più utilizzati dai truffatori

La nota associazione dei consumatori, specializzata nel settore della tecnologia, Consumerismo no profit denuncia un vero e proprio boom delle truffe online. La crescita delle truffe sulle piattaforma online è iniziata proprio durante il periodo di lockdown, ovvero quando non era possibile uscire di casa se non per un motivo valido.

Il dato statistico è davvero sconcertante, Consumerismo no profit evidenzia che le truffe online sono cresciute del 400% rispetto al 2019. L’inizio della crescita delle truffe online è avvenuto pochi mesi fa, quando l’Italia era bloccata dal Covid-19, i truffatori infatti sfruttavano a loro vantaggio l’utilizzo massiccio della tecnologia. Tuttavia l’impennata vera e propria si è verificata solo post lockdown, la rete infatti pullula di raggiri e trappole per i poveri internauti poco ravveduti. 

- Advertisement -

Attenzione alle criptovalute, blockchain e pagamenti digitali

Il responsabile del Dipartimento Blockchain di Consumerismo no profit, Marco Crotta, spiega che le truffe attualmente più in voga sono quelli concernenti criptovalute, pagamenti digitali, blockchain ecc. Gli italiani infatti risultano essere molto curiosi ed attratti dai “guadagni facili”. 

Vendite piramidali 

Protagoniste in assoluto delle truffe online sono anche le classiche “vendite piramidali” ovvero uno schema di vendita molto particolare attualmente vietato nel nostro ordinamento giuridico. Questa consiste in un pagamento “verticale, piramidale” del prodotto mediante il pagamento di una determinata somma da un soggetto che dovrà reclutare nuovi adepti per coprire il prezzo necessario. Non tutti sanno però che coloro che ci guadagnano sono solo quelli al vertice della piramide e non chi è sotto.

- Advertisement -

Truffe via mail 

Anche in Italia si sono diffuse le truffe tramite mail che propongono facili e profittevoli investimenti a pochissimo prezzo. Oppure molte volte le mail contengono un messaggio che esorta il ricevente a cambiare password e nome utente di su determinati account ad esempio quello in posta o in banca. Purtroppo però nel momento in cui si inserirà la vecchia password questa sarà inviata direttamente ai malintenzionati. È questo il fenomeno del Phishing, estremamente pericoloso.

Anche i social sono stati luogo di svariate truffe durante la pandemia, quindi fate attenzione su Whattsapp alle truffe e al coronavirus-phishing.