La Turchia ha neutralizzato terroristi del PKK in Iraq

La Turchia ha neutralizzato dei terroristi membri del PKK che si nascondevano nel nord dell'Iraq. Il PKK rientra nell'elenco dell'Unione Europea relativo alla organizzazioni terroristiche internazionali.

soldato
PhotoCredit: Pixabay

Con un’operazione antiterrorismo, la Turchia ha neutralizzato alcuni terroristi del PKK nascosti nel nord dell’Iraq. A rivelarlo, proprio nella giornata di oggi, è il ministro della Difesa turco, che ha spiegato ai cittadini l’accaduto tramite il suo profilo Twitter.

Secondo le dichiarazioni dei media di Istanbul e le fonti ministeriali, i servizi di sicurezza turchi hanno “neutralizzato” i terroristi nella regione di Hakurk. Prima dell’operazione, grazie ad attività di ricognizione e sorveglianza, i servizi di sicurezza turchi erano riusciti ad individuarli con precisione.

Le autorità turche usano il termine “neutralizzato” per indicare che o i terroristi in questione hanno scelto di arrendersi, o i soldati li hanno arrestati o colpiti a morte. Non è, infatti, ancora chiaro quale sia stata la sorte del gruppo di miliziani.

Neutralizzato terroristi del PKK, ma la guerra al terrorismo non è finita

Comunque, nonostante questa operazione sia un grande successo nel contrasto del terrorismo, la guerra della Turchia al terrorismo non è ancora arrivata alla sua conclusione. Nel paese, che di recente ha voluto dare il suo contributo alla questione libica, sono ancora attive bande e organizzazioni terroristiche. Queste sono spesso provenienti da paesi limitrofi. Infatti, come nel caso del PKK, spesso, accade che bande terroristiche giungano in Turchia allo scopo di realizzare attacchi, solo dopo averli pianificati in un paese diverso. Le operazioni anti-terrorismo del paese continuano senza interruzioni, ha, infatti, specificato lo stesso ministro della Difesa.

Da diverso tempo, come accennato in precedenza, i terroristi membri del PKK si rifugiano nel nord dell’Iraq per pianificare attacchi terroristici transfrontalieri da realizzare in Turchia. Questo gruppo terroristico, sebbene meno noto di altri, agisce da decine di anni; e gli Stati Uniti, l’Unione Europea sono tra i paesi che lo hanno inserito ufficialmente nell’elenco delle organizzazioni terroristiche internazionali. In questo elenco compaiono diverse organizzazioni, alcune delle quali sono tornate a minacciare l’Italia, “aiutate” anche dalla criminalità che ha procurato ai loro membri documenti falsi: come avvenuto a Napoli in questi giorni.
La Turchia porta avanti una serrata guerra al terrorismo da oltre 30 anni. In questo tempo, il PKK è stato responsabile della morte di quasi 40.000 persone, tra cui donne, bambini e neonati .