Lavrov: La NATO vuole imporsi nella regione dell’Asia-Pacifico

Il massimo diplomatico russo è intervenuto al vertice dell'ASEAN

La NATO ha smesso di rivendicare la sua essenza difensiva e ora spera di svolgere un ruolo di primo piano nella regione dell’Asia-Pacifico, ha detto domenica il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ai giornalisti dopo la sua partecipazione al vertice dell’Asia orientale dell’ASEAN.

La NATO non afferma più di ritenersi un’alleanza puramente difensiva. Era un’alleanza difensiva quando esistevano l’Unione Sovietica e il Patto di Varsavia. Da allora hanno spostato la loro linea di difesa. Non è chiaro da chi si stessero difendendo. Hanno avvicinato più volte questa linea di difesa verso i nostri confini e ora hanno annunciato al vertice di Madrid di quest’estate di avere una responsabilità globale e che la sicurezza della sfera Euro-Atlantica e le regioni indo-pacifiche sono indivisibili“, ha affermato il diplomatico.

- Advertisement -

Cioè, in effetti, ora affermano che giocheranno un ruolo di primo piano nella regione asiatica e stanno già spostando la loro cosiddetta linea di difesa nel Mar Cinese Meridionale“, ha aggiunto Lavrov facendo riferimento anche all’ASEAN, l’importante organizzazione politica, economica e culturale che unisce i paesi del Sud-est asiatico.

Lavrov infine sottolinea invece che “sfortunatamente, questo difficilmente accadrà in quanto gli Stati Uniti e i loro alleati devono tenere conto degli interessi della maggior parte dei paesi che sono qui”.