Lettere da una taranta: I Ragni e la Politica di Raffaele Gorgoni

(I Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno)

Lettere da una taranta: I Ragni e la Politica di Raffaele Gorgoni

Disponibile la versione cartacea su Amazon delle “Lettere da una taranta: i ragni e la politica” nuova edizione (I Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno). La copertina è affidata all’artista Paola Scialpi che ha reso omaggio all’autore Raffaele Gorgoni con una sua opera (in rigoroso bianco, rosso e nero) ispirata al libro e realizzata dunque appositamente per la nuova uscita.

Originalissimo il testo in cui dopo tante pizziche e notti melpignanesi è proprio la tanto ” bistrattata, odiata e amata, adulata e disprezzata, incensata e criticata, vezzeggiata e maltrattata” Taranta ad esserne la protagonista. È proprio lei la Lycosa Tarantola ad infrangere il velo di omertà e dire tutto quello che pensa del Salento, dei politici, della notte della Taranta e delle tarantate. E lo fa scrivendo delle lettere ad un essere umano di cui probabilmente non conosce neanche il nome, ma che è l’interlocutore più adatto ad accogliere le sue opinioni e i suoi sfoghi confidenziali, finalmente libera dalle catene di tradizioni e grottesche maldicenze.

Le lettere sono precedute da uno sfogo vocale che l’autore traspone in dialetto e poi parte il racconto storico che non lascia spazio alla noia. Tutto è condotto con accuratezza di dettagli e con grande semplicità, catturando il lettore ansioso di scoprire aneddoti ed episodi storici, e quasi “mitologici” un po’ forse dimenticati che si sono succeduti negli stessi vent’anni della notte melpignanese e che riaffiorano nella memoria con grande godimento.

La Taranta e i sassolini nelle scarpe

Il contenuto all’interno delle lettere è quasi sfacciato, perché la Taranta si toglie finalmente tanti” sassolini nelle scarpe” (proprio come il titolo della collana editoriale diretta dallo stesso Gorgoni) rivelando cose viste entrando in quei luoghi dove gli umani non avevano accesso. Lo sfogo di una taranta non può certo incorrere in accuse partitiche e per questa sua immunità è libera di raccontarci fatti ai più sconosciuti.

Dalle prime forme di tarantismo alla sua quasi sparizione con le prime emigrazioni verso il nord anche da parte delle donne,  con le assunzioni nelle fabbriche quando il morso che provocava convulsioni sincopate viene sostituito dal valium o da una seduta dal parrucchiere. La scrittura ha il ritmo sincopato del tamburello ancestrale, e chi legge è preso nel vortice delle notizie e degli episodi raccontati.

Parallelamente ai vent’anni della notte della Taranta nulla viene dimenticato. La politica con eventi non sempre edificabili, gli antropologi, gli scienziati, gli anni cinquanta, la televisione, il muro di Berlino, l’Ilva, la democrazia, la prima Repubblica, i vari politici che nel Salento hanno fatto il buono e il cattivo tempo, i flussi migratori e l ‘incapacità di trarne beneficio derivante da altre culture.

Non vengono tralasciati neanche Ovidio e le sue Metamorfosi, Plutarco, l’Odissea , l‘Iliade e Dante.

La Taranta nelle sue lettere non dimentica di criticare personaggi che si sono mossi nell’ambito della kermesse di Melpignano, ma fa anche tanti elogi a chi aveva capito sin dall’ inizio il senso vero di quella manifestazione. Chi pensava, avendo in mano il libro, di trovarsi dinanzi ad una favola moderna avrà la piacevole sorpresa,leggendolo, di avere in mano un pezzo di storia ironicamente descritta dall’autore con la sua solita penna insolente.

“Edito dalla casa editrice salentina I Quaderni del Bardo per la collana I Sassolini, “Lettere da una taranta. I ragni e la politica” è il nuovo libro firmato da Raffaele Gorgoni,giornalista Rai, scrittore e vice presidente della Fondazione Notte della Taranta. Traendo spunto da “Lettere da una tarantata” che Annabella Rossi diede alle stampe nel 1970 (ristampato in una nuova e più aggiornata versione da SquiLibri nel 2015), il giornalista salentino ha dato vita ad un curioso espediente letterario che lo vede invertire la prospettiva narrativa dando voce a Lycosa Tarantola, il ragno a cui affida “figurativamente” la scrittura di novantanove lettere nelle quali ricostruisce le connessioni che hanno caratterizzato il rapporto tra il Festival de La Notte della Taranta e la politica.

Il ragno fa sentire la sua voce critica, dopo aver atteso vent’anni in silenzio, vent’anni in cui è stato testimone e protagonista involontario di un fenomeno senza precedenti in Italia che lo ha trasformato in un marchio, in un logo stilizzato di un prodotto da vendere, ma anche di successi e sconfitte, di luci e di ombre. Le poco più di duecento pagine del volume scorrono a ritmo serrato portandoci dalle prime osservazioni sul tarantismo agli studi del fenomeno da parte di Ernesto De Martino, dalla sua progressiva scomparsa con le emigrazioni verso il Nord e l’emancipazione delle donne alla riemersione della tradizione con la riproposta negli anni Settanta.

Entrando nel vivo del libro con l’analisi della genesi de La Notte della Taranta, la scrittura di Gorgoni si fa sempre più tagliente, incisiva ed ironica, consentendo al ragno di togliersi tanti “sassolini dalle scarpe” con la leggerezza e la libertà di chi non può essere accusato di essere di parte” (Salvatore Esposito su Blog Folk).

Raffaele Gorgoni giornalista Rai, è autore di romanzi di successo nazionale e internazionale.

Immagine di copertina opera di Paola Scialpi