Listeria nei salami Wilke, ritiro prodotti, 2 morti e azienda chiusa

Lanciata l’alternativa per i prodotti a marchio Wilke, ritrovate tracce di listeria molto pericolosa per la salute dei consumatori

Listeria nei salami Wilke

Un comunicato ufficiale diffuso dall’ufficio federale della sicurezza alimentare in Germania rende edotti i consumatori che nei prodotti Wilke sono state trovate tracce di Listeria monocytogenes. Attualmente tutti i lotti presenti nel mercato sono potenzialmente pericolosi. Proprio per questo il produttore sta provvedendo a ritirarli immediatamente. In Germania in questi giorni sono stati registrati ben 37 casi di persone colpite dalla listeria monocytogenes.

Due decessi a causa della Listeria

Tra i pazienti che hanno avuto problemi legati al consumo di tale prodotto si sono registrate 2 vittime. Secondo i medici il motivo comune alle due morti è la listeriosi.

Molto probabilmente la fonte di diffusione dei batteri è proprio il salumificio. La listeria è stata rilevata sia nel salame utilizzato sulle pizze e in una salsiccia bollita. Ovviamente entrambi gli alimenti erano marchiati Wilke.

Secondo il rapporto redatto dal Robert Koch institute la probabilità che i decessi siano stati causati dei prodotti Wilke è pari al 99,6%. È dunque ovvio che c’è una eziologia tra consumo degli alimenti Wilke e la morte dei soggetti.

Allerta in Italia

Il presidente dello sportello dei diritti, Giovanni d’Agata, lancia l’alleata anche nel nostro Paese. Si consiglia vivamente ai consumatori di evitare l’acquisto di qualsiasi prodotto della Wilke. Tale raccomandazione è stata diffusa anche mediante il sistema di allerta europeo.

Questo significa che l’allerta è stata diffusa non solo nel nostro paese ma anche negli altri paesi membri dell’unione europea. Gli stati interessati  quindi si stanno attivando per verificare se i prodotti in questione siano stati eliminati dagli scaffali dei punti vendita. Un aspetto fondamentale è quello della diffusione dell’informazione, tutti i consumatori devono essere informati della pericolosità  del prodotto.

Solo quando saranno ritirati dal mercato tutti i prodotti contaminati ed eliminato il focolaio di diffusione dei batteri sarà possibile acquistare i prodotti a marchio Wilke.

Leggi anche: Assumere alte dosi di Statine aumenta il rischio di osteoporosi

Iweblab