Lula giura come presidente del Brasile, assente Bolsonaro

Si tratta del terzo giuramento del politico progressista 76enne

Il presidente eletto Lula da Silva ha prestato giuramento Brasilia di fronte alle camere unite di Brasilia. Si tratta del terzo giuramento da presidente del Brasile del 76enne, il primo è avvenuto ben venti anni fa, nel 2003, dopo diversi tentativi andati a vuoto negli anni 90′. Oggi la situazione è drasticamente cambiata, con il paese sudamericano che esige quelle riforme strutturali considerate fondamentali.

Nel suo discorso di insediamento Lula ha subito parlato del popolo brasiliano dicendo che sarà suo dovere proteggere la sovranità del paese: “Prometto di mantenere, difendere e rispettare la costituzione, osservare le leggi, promuovere il bene generale del popolo brasiliano, sostenere l’unità, l’integrità e l’indipendenza del Brasile“.

- Advertisement -

Il leader 76enne ha fatto riferimento durante il suo discorso alle camere unite che sarà suo compito pacificare il Paese: “La democrazia è stata la grande vincitrice di queste elezioni, ha superato la più grande mobilitazione di risorse mai vista da parte dell’opposizione, le più violente minacce alla libertà del popolo, la più aperta campagna di menzogne e odio”. Il presidente fa riferimento poi a dei “complotti per manipolare e imbarazzare l’elettorato brasiliano” orditi dalla destra.

Durante la cerimonia non era presente l’ex presidente Jair Bolosonaro, volato in Florida poche ore prima del giuramento.