Messico, chi non rispetta l’ ambiente viene dato “in pasto” al popolo

870752_NpAdvMainFea

Un consiglio comunale messicano ha deciso che la punizione peggiore per i suoi cittadini è l’ esposizione pubblica.
Il comune di San Nicolas de Los Garza, dello stato di Nuevo Leon, ha annunciato che a partire da questa settimana saranno ritratti su un maxi manifesto panoramico coloro che sono stati sorpresi a scaricare rifiuti in strada.

Una forma innovativa di punizione, che ha lo scopo di rendere noto a tutti chi è il “delinquente” di turno.
Nella cittadina a nord del Messico si registravano fino ad oggi dati atroci riguardo all’ inquinamento pubblico (circa 25 tonnellate di rifiuti al giorno abbandonati per le strade).
Umiliato e stanco di sottolineare l’ inciviltà dei suoi cittadini il sindaco Salgado ha deciso di creare una banca dati di tutti gli abitanti,monitorarli nelle loro azioni giornaliere (come andare a buttare i rifiuti), e di punire con le seguenti sanzioni i responsabili del degrado, che sta rovinando la reputazione di San Nicolas:
Si parte con una nota di biasimo da parte delle autorità locali per chi “sbaglia” una sola volta, i recidivi che verranno colti in flagrante per la seconda volta, dovranno pagare un’ammenda compresa tra i 200 e i 300 dollari, se i trasgressori dovessero perseverare nel lasciare rifiuti in zone non consentite, verranno condannati a 36 ore di prigione, oltre che al dover vedere la propria foto su migliaia di cartelloni pubblicitari in giro per la città con chiaramente una didascalia che non perdona : “detenido por cochino” (arrestato per essere un maiale)
Il primo a Finire in “copertina” è stato Jaimie Antonio Molina Martinez ripreso addirittura da un video a gettare la spazzatura dalla finestra della sua abitazione, per ben tre volte.
ora il suo volto (non proprio da bravo ragazzo) è in ogni angolo delle strade di San Nicolas.

Loading...
Potrebbero interessarti anche