Sapone, crema e disinfettante: i migliori amici delle mani durante la pandemia

Sapone e acqua calda sono efficaci contro il coronavirus?

Il lavaggio e la disinfezione frequenti delle mani è una delle misure più efficaci per prevenire la diffusione del coronavirus. Sfortunatamente, il lavaggio costante e l’uso di gel antibatterici possono influire negativamente le condizioni della pelle. Secchezza, desquamazione, prurito: sono un effetto collaterale della prevenzione del virus. Scopriamo come praticare una buona igiene delle mani senza danneggiare la pelle.

Come praticare una buona igiene delle mani?

La principale raccomandazione durante la pandemia di coronavirus è rispettare l’igiene e lavarsi le mani il più spesso possibile per  almeno 30 secondi. E questo è davvero giustificato: gli scienziati hanno dimostrato che dopo i primi 15 secondi di lavaggio, quasi il 90% dei batteri presenti sulle mani muore. Oltre al lavaggio delle mani, si consiglia di utilizzare anche liquidi antibatterici o prodotti a base alcolica. Sfortunatamente, un’igiene così attenta influisce negativamente  l’epidermide, provocando secchezza, irritazione, eruzioni cutanee, ecc.

- Advertisement -

Perché il sapone e l’acqua calda sono efficaci contro il coronavirus?

Lo strato esterno del coronavirus è costituito da lipidi. L’acqua calda e il sapone sono sufficienti per sciogliere questo rivestimento. Una particella di coronavirus danneggiata in questo modo perde la sua capacità di penetrare nelle cellule umane e infettare. I prodotti a base di alcol funzionano in modo simile. In principio, tutto ciò può essere evitato seguendo alcuni consigli nel campo della dermatologia. Per ridurre al minimo il rischio di irritazione e secchezza della pelle delle mani, è meglio utilizzare un sapone con un pH neutro, ovvero 5,5, che è lo stesso del pH della nostra pelle. Non utilizzare sapone destinato ai bambini o a base di solo ingredienti naturali per lavarsi le mani. Tali prodotti non contengono alcali e, sfortunatamente, non distruggono efficacemente i batteri sulla pelle delle mani. Prestare attenzione al sapone, che contiene glicerina o betaina. Queste sostanze donano una sensazione di morbidezza alla pelle, idratano e alleviano le irritazioni. Il passaggio successivo del trattamento consiste nell’utilizzare una crema per evitare la secchezza della pelle. Scopriamo le creme per la mani del marchio L’Occitane https://makeup.it/brand/122613/ e guardiamo bene anche la composizione.

Quale crema scegliere?

Ci sono pochissime ghiandole sebacee sulla pelle delle mani, quindi è molto sottile e delicata, si disidrata rapidamente. Ogni volta, dopo il lavaggio con il sapone, lo strato protettivo oleoso scompare, di conseguenza compaiono secchezza, rugosità e irritazione.

- Advertisement -

Le creme dovrebbero essere utilizzate ogni volta dopo il lavaggio delle mani o quando si applica un gel antibatterico. Scegliere una crema con argilla, olio di noce del Brasile e oli vegetali biologici per fornire una corretta idratazione e lenire. Fare attenzione alla densità e contenuto dei grassi. Tali creme aderiscono bene alla pelle e proteggono dalla perdita di umidità. Guardare anche la  presenza di vitamine che idratano la pelle e la mantengono giovane – vitamine A, E, C. È meglio scegliere creme che contengono glicerina, urea, trigliceridi, caprilico. Queste sostanze idratano e ammorbidiscono la pelle delle mani. Applicare la crema dopo ogni lavaggio  e attendere che sia completamente assorbita.

In quale altro modo prendersi cura delle proprie mani

Mentre i saloni sono chiusi, sarebbe meglio creare una spa a casa. Immergere per cinque minuti in un bagno al sale marino, asciugare con un asciugamano, applicare la crema e massaggiare. Dopo mezzo minuto, applicare un altro strato di crema, più denso, e indossare  guanti di cotone. Meglio farlo di notte. Un’altra opzione sono le maschere per le mani, contengono tutto il necessario per ripristinare la pelle: ad esempio, betaina e peptidi, olio di cocco e vitamina E. È sufficiente indossare tali guanti per soli 20-30 minuti.

- Advertisement -

Informazioni utili

Le persone che indossano guanti in lattice usa e getta per motivi igienici possono sviluppare allergie. Questa allergia si manifesta più spesso con eruzione cutanea, prurito e sensazione di bruciore. Se si verifica questa reazione, eliminare immediatamente i guanti in lattice e scegliere, ad esempio, guanti in polivinile, vinile o nitrile. E di notte, assicurarsi di usare creme idratanti.

Lorita Russo
Lorita Russo
Social media specialist, Seo Specialist, specializzata in tecnologia, scienza e cucina. Sono un influencer e reviewer, amante della lettura umanistica e dei problemi sociali. Ho un sito di cucina Facili idee e il gruppo Facebook che conta ben 150 mila follower