Sea Watch: Giorgia Linardi afferma “Carola non si è pentita” ecco la verità

Irresponsabilità della Gdf?

Giorgia Linardi, portavoce della Sea Watch, ha affermato che Carola non si é pentita. Dopo l’arresto della capitana della nave Ong, la portavoce ha lasciato un commento dove spiega “Ciò che ha fatto più male a Carola Rackete, é stato il livello di resistenza delle autorità.”

Giorgia Linardi, attivista italiana pro migranti ha fatto intendere che le scuse fatte da Carola agli agenti della Guardia di Finanza, non sarebbero arrivate per la sua entrata in porto. Dato che la 31 enne tedesca non avrebbe avuto altra scelta.

- Advertisement -

La motovedetta della Gdf aveva rischiato di essere schiacciata contro il molo durante l’attracco fuorilegge.

Il commento di Giorgia Linardi sull’irresponsabilitá della Gdf

La Linardi ha spiegato “Carola non si è pentita, ha agito in stato necessità. Si è effettivamente scusata con la Guardia di Finanza ma non per essere entrata in porto. Mi ha detto che non aveva scelta perché non poteva fare un’altra notte in mare. Noi crediamo che sia irresponsabile che anche nel momento in cui è stato violato un alt si faccia questo tipo di manovra ostruttiva nei confronti di una nave che non voleva certamente minacciare o bombardare”.

- Advertisement -

Nel messaggio si evidenzia come l’irresponsabilità sarebbe della motovedetta della GdF, per la manovra ostruttiva.

Difesa dell’avvocato: la motovedetta della Guardia di Finanza non é una nave da guerra

L’avvocato della capitana della Sea Watch, ha spiegato che tra le possibili strategie difensive ci sarà quella di contestare il fatto che la motovedetta della gdf non sia da considerare una “nave da guerra. Non c’è stato alcuno speronamento ma una manovra fatta in condizione di estrema difficoltà, senza alcuna volontà di uccidere. Una manovra nella quale ci si è avvicinato forse un po’ troppo alla barca della Gdf ma non c’è stato alcun contatto o volontà di speronare la nave”.

Lorita Russo
Lorita Russo
Social media specialist, Seo Specialist, specializzata in tecnologia, scienza e cucina. Sono un influencer e reviewer, amante della lettura umanistica e dei problemi sociali. Ho un sito di cucina Facili idee e il gruppo Facebook che conta ben 150 mila follower