Secondo morto negli Stati Uniti legato alla sigaretta elettronica

Morto per la sigaretta elettronica negli USA
Stati Uniti: muore per sigaretta elettronica

In America è scattato l’allarme salute a causa dei problemi derivanti dall’utilizzo delle sigarette elettroniche. Si discute molto anche sugli effetti a lungo termine che possono avere sul benessere della persona. Dalle prime notizie sembra che il soggetto si sia ammalato subito dopo aver provato un prodotto presso il negozio di cannabis ricreativa. La morte del soggetto è avvenuta a luglio, i dettagli della vicenda però sono stati resi noti solo pochi giorni fa. Purtroppo un’altra morte è stata annunciata poco più di un mese fa nello stato dell’Illinois.

Motivi della morte 

Sembra che le motivazioni delle morti derivino da una malattia polmonare che gli esperti collegano all’utilizzo delle sigarette elettroniche. Sono più di 200, tra adulti e adolescenti, che in questo periodo hanno contratto malattie respiratorie. Tra essi quasi tutti usano le sigarette elettroniche. 

Molti pazienti hanno avuto problemi a causa dello Svapo di THC, composto attivo della Cannabis. Purtroppo esiste un mercato nero parallelo per le ricariche di Svapo contenenti THC. Ovviamente esse non sono sicure, con ogni certezza sono prive di controlli sulla qualità del prodotto. 

L’American Vaping Association ha pubblicamente incolpato per tutte le malattie in questione le ricariche illegali contenenti THC.  Gli esperti però hanno messo in guardia i consumatori dal pensare che tutti i prodotti Svapo siano completamente sicuri.

Gli studiosi hanno individuato una moltitudine di ingredienti dannosi che spesso vengono utilizzati nelle ricariche delle sigarette elettroniche. Tra essi possiamo annoverare, particolato ultrafine, metalli pesanti come piombo e sostanze chimiche cancerogene, tutte altamente pericolose. 

Inoltre è certo che bambini e  donne in gravidanza devono evitare di utilizzare tali prodotti. Purtroppo però è davvero semplice acquistare una sigaretta elettronica, anche se minorenni o in dolce attesa. Internet aggrava ulteriormente la situazione, tramite qualsiasi dispositivo con connessione si può acquistare quasi tutto. È fondamentale un maggior controllo sulla vendita di questi prodotti potenzialmente dannosi per la salute. 

Leggi anche: Trova un verme nel Chicken Legend al McDonald’s

Potrebbero interessarti anche