Soltenberg (NATO): “L’uso di armi nucleari è estremamente remoto”

Il segretario generale ha affermato inoltre che vigilerà sulle attività della Russia

Le possibilità che la NATO ricorra all’uso di armi nucleari “sono estremamente remote“, ha detto il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg in una conferenza stampa a seguito di una riunione di due giorni dei ministri della difesa dell’alleanza a Bruxelles.

Stoltenberg ha detto ai partecipanti che le possibilità per la NATO di ricorrere all’uso di armi nucleari “sono estremamente remote“, ma l’alleanza continuerà a monitorare da vicino le future esercitazioni della Russia sulle armi nucleari.

- Advertisement -

Intervenendo a una conferenza stampa all’inizio di questa settimana nel quadro della riunione dei ministri della difesa della NATO, Stoltenberg ha annunciato che “finora non abbiamo assistito a un cambiamento sull’uso del nucleare, ma saremo vigili e, naturalmente, non daremo mai a loro il privilegio di dire esattamente come risponderemo se useranno un’arma nucleare in Ucraina”.

La portavoce del ministero degli esteri russo Maria Zakharova ha dichiarato il 6 ottobre che Washington e altre capitali occidentali potrebbero essere interessate a usare l’arma nucleare per poi incolpare Mosca.

- Advertisement -

Lo scorso 8 ottobre invece il ministro degli esteri russo Sergey Lavrov ha detto che l’Occidente ha fatto ricorso a “menzogne ​​e manipolazioni” nel tentativo di mostrare la Russia come fonte di minacce di natura nucleare.