Sudan, Bashir si dimette dopo 30 anni

Adesso si aspettano nuove elezioni

Da mesi il popolo protestava in Sudan, e alla fine il presidente Omar Al Bashir si è dimesso. Da trent’anni guidava il Paese. Una dittatura che si è infranta sotto le proteste incessanti del popolo, e con i militari che hanno voltato le spalle al settantacinquenne Bashir. Una dittatura che non ha risparmiato nessuno in tutti questi anni, gli oppositori politici sono stati incarcerati e si è tentato di ridurre al silenzio le proteste con una dura repressione.

Ma adesso è tutto finito, il potere di Bashir si è svuotato di tutto finchè il Presidente non si è arreso ed è stato costretto a dimettersi.

La gioia del popolo

Il popolo che era in strada per protestare alla notizia delle dimissioni di Bashir è scoppiata in una vera e propria festa ed ha intonato “Bashir è caduto, ce l’abbiamo fatta”. Cantando e ballando per le strade la gente ha espresso tutta la sua gioia per la caduta del Presidente, anche se non sarà facile capire cosa succederà da qui in avanti.

Le incertezze sono tante e il futuro è ancora tutto da scrivere. L’esercito ha annunciato la formazione di un governo di transizione con la formazione di un consiglio ad interim guidato dal primo vice presidente Awad Ibn ma non è chiaro quando saranno organizzate nuove elezioni.

Una donna in prima linea

La vera protagonista però è la ventiduenne Alaa Salah. La studentessa d’ingegneria con il suo tobe bianco e il suo hijab nero che dal tettuccio di una macchina ha arringato la folla al grido “Thawra, Thawra“, cioè rivoluzione.

La sua vuole essere una rivoluzione al sessismo, alle discriminazioni, a tutto un sistema che si basa sul maschilismo e sulla legge islamica della sharia. Alaa vuole essere una donna libera e per fare questo ha bisogno dell’aiuto di tutti, vuole spezzare le catene che vogliono le donne relegate a ruoli minori, vuole mettere alla parola fine ai matrimoni precoci.

Il suo grido è quello di tutte, e adesso con la caduta di Bashir forse sarà possibile realizzare il suo sogno.

Valeria Fraquelli
Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com
Potrebbero interessarti anche