Thailandia, morto uno dei soccorritori

Si era unito ai soccorsi come volontario.

Uno dei Navy Seals thailandesi impegnato nelle operazioni di soccorso dei 12 ragazzi nella grotta di Tham Luang è morto per mancanza di ossigeno. L’uomo, un volontario di 38 anni, è morto sulla via del ritorno, perdendo conoscenza. Intanto, le operazioni per tirare fuori i ragazzi dalla grotta continuano senza sosta. Il livello di ossigeno è sceso al 15%. “La situazione è peggiorata e potrebbe iniziare a piovere di nuovo. Bisogna fare in fretta”, hanno fatto sapere i soccorritori. Occorrono 11 ore per compiere il tragitto di andata e ritorno tra l’entrata della grotta Tham Luang e il punto dove i 12 giovani calciatori e il loro allenatore sono bloccati da ormai dodici giorni.

Loading...