Topo morto trovato in una lattina di Coca-Cola

Dopo aver acquistato una lattina di Coca-Cola e solo dopo averla bevuta, un uomo fa la rivoltante scoperta. Sotto controllo per il rischio di leptospirosi.

Topo morto trovato in una lattina di Coca Cola

Topo nella Coca-Cola

Il ritrovamento di topo all’interno di una lattina di Coca-Cola, è avvenuto a Varenne-sur-Seine un comune francese di 3.352 abitanti situato nel dipartimento di Senna e Marna nella regione dell’Île-de-Francenega.

L’uomo di 34 anni di nome Damien, che ha ritrovato il topo morto nella lattina di Coca-Cola, ha raccontato a Le Parisienne  di aver fatto questa rivoltante scoperta dopo aver bevuto l’intero barattolo . L’uomo avrebbe infatti acquistato una lattina di Coca-Cola di rientro dal ristorante dove aveva consumato solo una pizza.

Il barattolo non era vuoto

Non bevo durante il pasto, ma al mio ritorno a casa” dice Damien, che al momento di bere non rileva nessun gusto sospetto o consistenza disturbante. “Quando il barattolo è finito mi sono accorto che non era vuoto”.

Secondo il suo racconto, l’uomo osserva con orrore che il peso del barattolo è dovuto al corpo di un topo morto. Damien ancora sotto shock per la scoperta, decide di chiamare la Coca-Cola e dopo aver segnalato l’episodio riceve una e-mail, dove l’azienda risponde che “la sicurezza della linea di produzione dell’azienda è totale”. L’uomo si reca alla stazione di polizia che però non accetta la denuncia.

L’azienda inoltre gli manda una borsa in cui è invitato a mettere la lattina. “Mi hanno chiesto di rimandarla indietro per l’analisi, ma è fuori questione. Dal momento in cui la mando, non ho più prove ” dice Damien che invece conserva la lattina avvolta in un cellophane, nel suo congelatore.

Il rischio di leptospirosi

Preoccupato per la sua salute, Damien chiama il suo medico e il centro antiveleni e ora l’uomo è sotto controllo per 21 giorni nel caso si manifestino sintomi di infezione da leptospirosi.

Secondo il Dott. Picardeau, direttore del Centro Nazionale di riferimento per la leptospirosi presso l’Istituto Pasteur,  questa malattia colpisce 600 persone in Francia ogni anno ed è causata principalmente dai roditori.

Le lattine infatti dovrebbero essere pulite sulla parte superiore prima di essere consumate.  “Tutti i mammiferi trasportano i batteri patogeni, ma soprattutto i roditori che evacuano attraverso l’urina“, afferma il Dott. Picardeau.

Ma come ha fatto il topo ad entrare nella lattina?  Damien sostiene di aver aperto il barattolo e bevuto immediatamente il contenuto, rendendo impossibile l’intrusione del topo. Ipotizza quindi, alcuni possibili scenari:  “O il topo era nel barattolo e la coca è stata versata in esso. O era in una coca, e il liquido è stato versato nel barattolo.

La difesa della Coca-Cola

L’azienda di rimando elogia i metodi di produzione delle sue lattine “sistematicamente rovesciate e risciacquate da potenti getti, e sottoposte a un controllo costante che garantisce la loro perfetta igiene”.

Stiamo aspettando di ricevere informazioni dal consumatore per svolgere indagini approfondite. Oggi non possiamo stabilire la veridicità di queste informazioni ” la difesa della Coca-Cola, che nel frattempo come risarcimento, avrebbe offerto all’uomo un buono gratuito per l’acquisto di una confezione di lattine..

di Monica Ellini

Potrebbero interessarti anche