Zaporozhye, per l’amministrazione regionale la visita dell’AIEA non è stata sufficiente

Intanto i russi vorrebbero una riunione del consiglio di sicurezza dell'ONU

La visita della missione dell’AIEA alla centrale nucleare di Zaporozhye non ha soddisfatto le aspettative della popolazione locale che vorrebbe mettere fine ai bombardamenti di artiglieria, ha detto lunedì il capo dell’amministrazione civile-militare della regione, Yevgeny Balitsky.

Ci aspettavamo che l’influenza dell’AIEA sarebbe stata sufficiente per fermare i bombardamenti. Questa è la cosa principale che volevamo ottenere“, ha detto al canale Soloviev Live TV il capo dell’amministrazione.

- Advertisement -

Sto parlando a nome delle persone con cui rimango in contatto, del personale della centrale e delle persone che vivono nei territori liberati a Zaporozhye“, ha detto Balitsky.

La missione dell‘AIEA, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di energia atomica guidata dal direttore generale Rafael Grossi, è arrivata alla centrale di Zaporozhye lo scorso 1 settembre. Secondo lo stesso Grossi, gli ispettori sono stati in grado di ottenere alcuni dati chiave sulla situazione attuale della stazione. La maggior parte degli esperti ha ora lasciato la struttura. Secondo quanto riferito, due dei membri della missione rimarranno lì almeno per un altro mese.

- Advertisement -

La Tass riferisce che la Federazione Russa avrebbe intenzione di chiedere una riunione del consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con il segretario Antonio Guterres e lo stesso direttore dell’AIEA Rafael Grossi.