15 ottobre: ricordando Jesse Glover

Teacher Antonio Spadafora ed il ricordo di Jesse Glover attraverso i suoi allievi

Jesse Glover: il 15 ottobre è una data nel campo delle arti marziali che ricorda la sua nascita . Costui fu il primo allievo assoluto ed istruttore del leggendario, nonché promotore ufficiale nella diffusione delle arti marziali, Bruce Lee. Seppur Jesse Glover sia venuto a mancare, gli allievi continuano la sua opera e la diffusione del suo NCGF, NON CLASSICAL GUNG FU. Ci faremo aiutare dal Teacher Antonio Spadafora nell’intervista agli allievi diretti di Jesse Glover. Dopo aver ringraziato Mr. Spadafora e gli allievi/amici di Jesse Glover per aver concesso tale intervista, inizia il ricordo di Jesse Glover.

Teacher Antonio Spadafora esordisce così
” Vorrei porre le medesime domande a ciascun allievo/amico di Jesse Glover per conoscere il proprio punto di vista in base all’esperienza vissuta con Jesse. Mi preme precisare o quantomeno ricordarli singolarmente: Barry Mar (amico e allievo di Bruce Lee e Jesse Glover), Pierre Hartmann , Sean Grant, Tom De Felice e Wolfgang Rain  (amici e allievi di Jesse Glover). ”

Teacher Antonio Spadafora pone la prima domanda ” Quale fu l’approccio di Jesse Glover alle arti marziali?”

Loading...

Barry Mar ” L’approccio di Jesse doveva essere semplice, diretto con una solida struttura e fondamentale. Importante l’ allenamento frequente e molte ripetizioni. Significava allenarsi con persone con differenti qualità fisiche e punti di forza. L’obiettivo è sempre quello di neutralizzare ed eliminare la minaccia in modo rapido, diretto ed efficace”.
Pierre Hartmann ” inizialmente ero un po ‘deluso, poiché quando incontrai Jesse la prima volta gli chiesi delle lezioni private. Ma Jesse disse che le lezioni private non ti aiuteranno. Ti divertirai meglio con i miei studenti”.
Sean Grant ” Innanzitutto non conosco l’approccio di Jesse alle arti marziali se non quello di dire che è stato magistrale nel capire ogni persona alla quale ha insegnato e sapere cosa gli si adatta e come tirare fuori il meglio delle proprie capacità”.
Tom De Felice “L’approccio di Jesse alle arti marziali è stato sviluppato attorno a 2 concetti principali: semplicità e ripetizione. L’arte che ha sviluppato, Non-Classical Gung Fu (NCGF) è stata una combinazione di tecniche e metodi che ha imparato da Bruce Lee e da idee scaturite dallo studio di altre arti. Jesse si rese presto conto che molte delle tecniche di Bruce erano basate su velocità, potenza e abilità superiori alla media che a sua volta la persona media non possedeva. Per compensare, ha sviluppato metodi di allenamento e un curriculum di ripetizioni elevate che ha radicato il movimento nel corpo di uno studente. Inoltre, ha insegnato una versione modificata del Wing Chun Chi Sao. Scoprì che questo metodo era migliore per addestrare il neuro sistema a rispondere a pressioni immediate senza alcuna elaborazione cognitiva. Nel NCGF non c’era magia, mosse segrete, solo un sacco di duro lavoro.”
Wolfgang Rain “Jesse fu campione di judo già quando incontrò Bruce Lee e ha ulteriormente adottato l’approccio di Bruce all’allenamento: ripetizioni massive, test, resistenza e allenamento della forza per consentire training più intensi con più ripetizioni per sessione. Ci sono state settimane in cui mi sono allenato più di 12 ore al giorno con Jesse, facendo centinaia di migliaia di ripetizioni di punching e sensing.”

Seconda domanda del Teacher Antonio Spadafora “Cosa differenzia Jesse Glover dagli altri istruttori di arti marziali?”

Barry Mar ” la cosa numero uno che ho notato è che a Jesse importava dei suoi studenti come esseri umani. La sua preoccupazione principale era fare quanto poteva per aiutare i suoi studenti ad affrontare TUTTE le sfide della vita, non solo i confronti fisici”.
Pierre Hartmann “Jesse ha rappresentato un approccio completamente nuovo alla mia arte marziale che ho praticato in precedenza. Non solo mi ha dato una metodologia eccezionale per affrontare il combattimento REALE, ma per la vita in generale. Jesse era come un secondo padre per me”.
Sean Grant ” Prima di tutto non lo consideravo un istruttore, lo consideravo un insegnante. Nella mia mente c’è una grande differenza tra i due. Jesse aveva molto da insegnare e da offrire se tu fossi disposto a lavorare sodo”. Tom De Felice ” Le istruzioni di Jesse erano uniche rispetto alla maggior parte delle arti marziali contemporanee. Non ha distribuito cinture o gradi e agli studenti non è stato assegnato alcuno status speciale. Ha insegnato dal punto di vista della realtà; la competenza di uno studente nel NCGF era evidente oppure non lo era. Jesse ha sempre insegnato privatamente e non ha mai avuto una grande scuola di arti marziali commerciali. Per molti studenti è diventato più che un istruttore. È stato un buon amico e una figura paterna. Coloro che hanno avuto la fortuna d’incontrarlo e passare del tempo con lui hanno guadagnato molto più delle abilità nelle arti marziali”.  Wolfgang Rain “Jesse era interessato a come i suoi studenti potessero far funzionare una tecnica da soli. Non ha mai creduto che le cinture fossero importanti o significative, né ha reso le sue classi facili ad accogliere persone pigre. Per questo motivo, Jesse non ha mai cercato di avere una scuola commerciale perché sentiva che non è possibile formare tante persone con un approccio così individualizzato”.

Mr. Spadafora chiede agli allievi di Jesse Glover qualche aneddoto su di lui e loro rispondono così

Barry Mar “La maggior parte delle persone, quando incontravano per la prima volta Jesse, lo trovavano una personalità molto tranquilla e persino “stand-off”. Conoscendolo bene quasi tutti hanno riconosciuto in Jesse un senso dell’umorismo molto semplice. A Jesse piaceva leggere e collezionare libri. Avrebbe fatto acquisti per i libri alla Goodwill (un’organizzazione americana senza scopo di lucro che riceveva i gettoni delle persone, li ricondizionava e li utilizzava per aiutare i meno fortunati). Jesse aveva davvero tanti libri. Avrei azzardato a indovinare che li avesse sfogliati tutti e letti almeno l’80% . A Jesse piaceva il gelato. Quando andavamo a un buffet, di solito mangiava almeno 4-5 palline di gelato”. Pierre Hartmann “Jesse ha lasciato un grande impatto su di me e su tutta la nostra scuola di Ginevra. Egli ha reso le mie cose migliori e il modo in cui il NCGF è stato sviluppato qui in Europa è stato unico. Senza Jesse farei comunque il mio sparring tool che limita l’arte marziale a un gioco. Jesse Glover ha fornito qualcosa di speciale e le persone non saranno in grado di capire cosa sia NCGF a meno che non lo provino”. Sean Grant  “Jesse era un uomo di poche parole e quelli di noi che erano con lui da un certo numero di anni impararono a capire cosa volesse con un certo sguardo o un movimento che avrebbe fatto”. Tom De Felice “Jesse ha vissuto una vita molto semplice e non si è mai concentrato sul prestigio o sul denaro. D’ altronde ha gestito una classe così piccola e intima.”  Wolfgang Rain “Quando Bruce Lee decise di aprire una scuola commerciale per guadagnare denaro avrebbe dovuto avere uniformi, telai, un sistema di classificazione. Jesse, come primo studente e assistente istruttore di Bruce, gli chiese: Bruce, hai detto a te stesso che le cinture e le uniformi sono virtuosamente prive di significato, ma ora vuoi che indossiamo queste sciocchezze? A quel tempo Jesse, insieme a Leroy Garcia, Ed Hart e Jim DeMile, disse a Bruce che non volevano praticare molti concetti diluiti, o indossare costumi stupidi. Bruce Lee incoraggiava Jesse a continuare a insegnare da solo, ma gli ha chiesto di non chiamare la sua arte Jun Fan o Jeet Kune Do. Jesse a sua volta chiese se potesse chiamare questo processo  adattato da Bruce  Non classical Gung Fu.  Bruce si disse contento e ritenne fantastico chiamarlo così. Intanto Jesse continuò ad evolversi, applicando nuove conoscenze, lanciando vecchie tecniche che un tempo erano servite per uno scopo ma che erano diventate un ostacolo alla sua ulteriore evoluzione. Questo processo aperto è l’essenza del Gung Fu non classical “. Dopo tanto chiacchierare sulla vita e sugli insegnamenti di Jesse,

Mr. Spadafora pone l’attenzione sul Red Book, così nominato il primo libro di Jesse Glover. La sua curiosità si concentra “sul motivo della nascita del Red Book “. 

Afferma Barry Mar che “Jesse è andato a scuola per imparare l’arte della stampa usando una macchina da stampa. Aveva anche la sua stampa. Attraverso le conversazioni con Jesse, so che ha espresso su Bruce Lee il suo apprezzamento per avergli dato le basi nel kung-fu, alla base dello stile di Jesse, quale NCGF o Gung Fu non classico. Il “Libro rosso” documenta l’amicizia di Jesse Glover con Bruce Lee alla fine degli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60. Jesse non solo ha scritto il Libro Rosso ma ha anche stampato la prima edizione. Lo stampò lui stesso per assicurarsi che il libro fosse effettivamente stampat”. Infine precisa Wolfgang Rain che ” dopo la morte di Bruce Lee, Jesse fu deluso da tutte le menzogne ​che la gente diceva di Bruce. E dopo che Leroy ed Ed seppellirono Bruce al Lakeview Cemetery di Seattle, Jesse decise di scrivere il primo libro “Bruce Lee between Wing Chun and Jeet kune Do”, per onorare la vita di Bruce e creare un vero disco per controbilanciare le sciocchezze di cui le persone parlavano quando veniva nominato il suo amico Bruce Lee”. Il Red Book è acquistabile su Amazon cliccando al link di seguito

https://www.amazon.com/Bruce-between-Wing-Chun-Jeet/dp/B0007AZW1U .

Mr. Antonio Spadafora saluta e ringrazia gli allievi per le informazioni inedite.

Dinnanzi a Barry Mar sorge spontanea un’ultima domanda o dir si voglia curiosità “Cosa vorresti dire oggi a Bruce e a Jesse?”

Barry Mar commosso e sincero risponde “Vorrei esprimere i miei più sinceri ringraziamenti per la loro amicizia e per avermi insegnato il modo giusto  per imparare. Niente scorciatoie!”
Salutiamo e ringraziamo Teacher Antonio Spadafora e gli allievi di Jesse Glover per questa coinvolgente chiacchierata nel ricordo di Colui che da sempre viene associato a Bruce Lee ma che al contempo ha lasciato un’eredità marziale che non morirà mai.

Potrebbero interessarti anche