Coronavirus: il Presidente cinese assicura massimo sostegno all’Italia

In una recente dichiarazione, Xi Jinping rivela di essere pronto a cooperare ed aiutare l'Italia.

Coronavirus Xi Jinping
Photocredit: https://en.wikipedia.org/wiki/File:Xi_Jinping_in_British_Parliament.jpg

Dopo i primi contatti, la cooperazione tra Cina ed Italia contro il Coronavirus sembra destinata a continuare. Lo suggeriscono le recenti dichiarazioni del Presidente cinese presenti in un messaggio inviato mercoledì al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il governo ed il popolo cinese “sostengono con decisione” la lotta dell’Italia contro il virus, si legge nella missiva.

Ma oltre alle parole di solidarietà, Xi Jinping ha anche aggiunto che “in questi momenti così difficili, la Cina è disponibile a cooperare con l’Italia ed a offrire assistenza“. Anche in un’altra occasione, più precisamente nel resoconto dell’agenzia Xinhua, ha sottolineato questo concetto. “il supporto reciproco e la cooperazione ‘win-win’ sono sempre stati il tema principale della strategica e ampia partnership tra Cina e Italia” ha ribadito.

Italia e Cina unite contro il Coronavirus

Non è la prima volta che durante la crisi del Coronavirus l’Italia e la Cina collaborano. Qualche giorno fa Di Maio aveva annunciato l’arrivo di nuove strumentazioni dalla Cina, ed in particolare tamponi, mascherine e respiratori.

Ma non è finita qui. Perché la Cina ha anche inviato un gruppo di medici esperti che hanno già combattuto il virus nella provincia dell’Hubei. Nel dettaglio sono sbarcati nel nostro paese 9 medici specializzati, un gruppo formato da 6 uomini e 3 donne. Non erano però da soli, perché al loro fianco c’erano anche il vicepresidente della Croce Rossa cinese, Yang Huichuan, e il professore di rianimazione cardiopolmonare, Liang Zongan.

Un gesto fatto anche per ricambiare la solidarietà che l’Italia ha dimostrato quando il Coronavirus aveva fatto i primi danni in Cina. “non abbiamo dimenticato l’aiuto arrivato dall’Italia in passato, questo è un momento in cui vogliamo ricambiare” sono state le parole di uno dei membri della delegazione cinese che ha raggiunto l’Italia.