Gli alimenti per avere capelli sani e lucenti, ecco la lista completa

Il benessere e la salute dei nostri capelli è legata anche al tipo d'alimenti scelti nella dieta quotidiana: quali sono i cibi da favorire per ottenere una capigliatura sana?

Photocredit Capelli Piaxabay

La stagione calda è sicuramente un momento di stress per i capelli sottoposti a continui lavaggi, a secchezza e aridità dovuta ai raggi del sole e ad una serie d’eventi quotidiani che apportano un malessere alla capigliatura.

Per affrontare al meglio questo problema e limitare il più possibile i danni post mare e sole è opportuno nutrire i capelli anche da un punto di vista alimentare. Secondo un certo orientamento il legame che c’è tra alimentazione e benessere della chioma è reale e diretto, per questo sono stati identificati una serie d’alimenti che hanno un’influenza positiva sui capelli. Ricordiamo sempre che oltre a nutrirli dall’interno vanno nutriti anche dall’esterno, tra i vari rimedi naturali suggeriamo il burro chiarificato.

La dieta per avere capelli sani è facile da seguire e deve partire dal concetto che il capello è costituito in gran parte da proteine e sono queste che vanno mangiate in modo equilibrato per ottenere risultati visibili. L’alimentazione per avere capelli belli, lucenti e sani non deve essere troppo ricca di zuccheri, ma neanche troppo vegetariana, di conseguenza è opportuno optare per un regime variegato.

Alimentazione e capelli sani: cosa mangiare?

Tra gli alimenti da consumare per avere capelli folti, non sfibrati e lucenti ci sono le uova che contengono la biotina elemento che favorisce la crescita del capello potenziando le sue moltissime molecole.

Le banane che hanno tra i loro elementi il silicio che ha la funzioni di rafforzare il capello.

Tra gli altri alimenti troviamo anche le mandorle, gli arachidi la crusca e l’avocado. Anche il salmone, l’avena e alcuni tipi di formaggio magri possono aiutare a rendere i capelli sani e lucenti.

Importanti sono anche le vitamina A, vitamina B6 e la vitamina C, poi l’omega 3 e lo zinco.