Le maschere per le ascelle, ultimo trend della skincare

Assieme ai deodoranti naturali, agli scrubs e all’allume le arm pit mask popolano sul web

Dopo la moda discutibile del #freeyourtips (ascelle pelose), questa parte poco sensuale del corpo femminile ritorna alle scene per la maschera dedicata.

Se negli anni ’90 le ascelle andavano semplicemente depilate e curate con un semplice deodorante in stick oppure in spray, adesso vanno curate con attenzione come qualsiasi altra parte del corpo.

Da circa sei anni il mondo beauty e della cosmetica ha vissuto una vera e propria rivoluzione. Numerosissimi sono i deodoranti naturali, privi di alluminio e senza anti-traspiranti che normalmente bloccano la sudorazione. In questo modo però si bloccano le ghiandole sudoripare, uccidendo così la microflora naturale, incrementando i batteri che producono i cattivi odori.

Per combattere questo inestetismo i migliori marchi eco-bio hanno deciso di creare delle maschere detox utilissime per sistemare la situazione dopo le sudorazioni eccessive.

Insieme alle maschere per il viso, quelle per le ascelle sono a base di argilla e carbone attivo con oli essenziali. Prima di procedere alla detersione bisogna fare uno scrub che serve a levigare e schiarire le ascelle spesso soggette a depilazioni e cerette.

Sembrerebbe capire che oltre al deodorante esistono altri passaggi per la #freeyourpits skincare.

Questo è il nuovo orizzonte all’avanguardia della cosmetica internazionale? Pare di sì!

Maria Carola Leone
Maria Carola Leone, classe 1990. Laureata in Lingue e Letterature Moderne dell'Occidente e dell'Oriente - Curriculum orientale (Arabo, Ebraico e Francese) con votazione 110/110 e lode. Parlo correttamente 5 lingue: inglese, francese, spagnolo, arabo ed ebraico. Da sempre sostenitrice dell'arte e della cultura intraprende il suo percorso da culture-teller a 11 anni quando pubblica il suo primo articolo giornalistico sul quotidiano 'La Sicilia'. Continua a scrivere fino a quando nel 2012 entra a far parte della condotta Slow Food 570 diventando Responsabile dei Progetti educativi, editoriali e culturali collaborando attivamente e con serietà al progetto. Nello stesso periodo, oltre a continuare gli studi accademici, si occupa di giornalismo ricoprendo il ruolo di Caporedattore per la rivista online 'Sicilia del Gusto' e inizia sempre nello stesso periodo la carriera di speaker radiofonica. Proprio quest'ultima riscuote molto successo nel territorio palermitano, l'appuntamento domenicale (dalle 10.00 alle 11.00) viene apprezzato anche sul territorio nazionale ed internazionale in streaming. Successivamente collabora per riviste culturali siciliane, redige prefazioni di libri, si occupa di traduzione e interpretariato per enti privati e ultima gli studi accademici nel marzo 2017. Prosegue con successo la sua attività radiofonica collaborando per una Web Radio Romana, divenendo anche Responsabile dell'Ufficio Stampa, caporedattrice della Radio assumento un ruolo dirigenziale. Attualmente è candidata nella 'Categoria Speaker Femminili' al Web Radio Festival. Dal mese di settembre 2017 ha aperto un canale su Youtube di viaggi in cui racconta le bellezze artistico-culturali ed enogastronomiche italiane con un ampio focus sulla sua terra: la Sicilia.
Potrebbero interessarti anche