Conte: “In Sicilia in alcuni comuni presupposti per grandi progetti”

"Questo è il momento della semina, del rinnovamento: stiamo iniziando un nuovo percorso. Sono stato in giro per l'Italia, da Nord a Sud e ho trovato grande entusiasmo. Ripartiamo da questo"

In una intervista a La Sicilia, Giuseppe Conte parla delle problematiche che attanagliano il sud e afferma: “Come ho già detto c’è poco da parlare e molto da fare. Sappiamo quali sono i nostri problemi sul fronte dell’organizzazione e della presenza territoriale, li stiamo prendendo di petto. Questo è il momento della semina, del rinnovamento: stiamo iniziando un nuovo percorso. Sono stato in giro per l’Italia, da Nord a Sud e ho trovato grande entusiasmo. Ripartiamo da questo“.

Poi, sulle ultime elezioni e la preferenze ricevute dal M5S dice:In alcune città ci sono stati i presupposti per proporre dei progetti comuni, in altre no. Le alleanze non si calano dall’alto, non si fanno a tavolino, ma si costruiscono sulla condivisione dei progetti e sul rispetto dei territori. Il Movimento 5 Stelle ha una sua identità chiara: il dialogo con il Pd e altri è possibile solo quando si rimane in questa cornice. È innegabile che dove l’alleanza è stata costruita con lungimiranza e nel rispetto dell’identità e delle personalità di entrambe le forze, abbiamo dimostrato che anche il centrodestra compatto si può battere, dato importante soprattutto in Sicilia, dove Musumeci andò al governo proprio con il centrodestra unito” 

- Advertisement -

Quanto ai ballottaggi, che in alcuni comuni si terranno domenica e lunedì, commenta: “Non sono un aruspice. L’importante è che non soffi il vento dell’astensione che abbiamo registrato nei ballottaggi dello scorso fine settimana. Un fenomeno su cui noi non facciamo certo spallucce. Sicuramente qui in Sicilia siamo soddisfatti di alcuni risultati già ottenuti: penso ad Alcamo, dove è stato riconfermato il nostro sindaco Domenico Surdi, o Caltagirone con Fabio Roccuzzo che ha battuto il centrodestra in sinergia con il Pd

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.