Ebola, sospetto caso in Italia: allarme rientrato

??????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

Negativo il test per il virus dell’ ebola eseguito su una paziente nigeriana, ricoverata da ieri presso l’ospedale di Civitanova Marche: confermata un’ infezione da plasmodio della malaria.

Non si tratta di ebola, ma di un’ infezione da plasmodio della malaria. Questi gli esiti definitivi delle analisi eseguite sulla paziente nigeriana che presentava sintomi compatibili con il temibile virus della febbre emorragica.

La donna, quarantaduenne residente nelle Marche, era rientrata da un viaggio in Nigeria con sintomi sospetti: febbre superiore a 38 gradi, nausea e dolori addominali. Immediata l’attuazione delle procedure previste dai protocolli internazionali, a partire dal ricovero in isolamento.

Loading...

Le condizioni di salute della paziente, nel corso della giornata di ieri, venivano definite “apparentemente buone” da fonti ministeriali. In modo particolare, non si registravano i pericolosi sintomi emorragici indicativi di un contagio da ebola. Nella serata di ieri sono arrivati i risultati delle prime analisi effettuate presso l’ospedale di Civitanova Marche, esiti da cui è stata riscontrata un’ infezione da malaria.

L’allarme ebola è definitivamente rientrato questa mattina, quando sono stati diffusi i risultati negativi dei test effettuati a Roma presso l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani“, dove erano stati inviati campioni biologici della paziente.
Ad oggi, pertanto, non risulta nessun caso sospetto di ebola sul territorio nazionale. L’assessore alla Salute della Regione Marche, Almerino Mazzolani, esprime soddisfazione per la tempestività e l’effecienza con cui è stata gestita l’iniziale emergenza. La possibile diffusione del virus in Italia, a detta degli esperti, resta ipotesi altamente improbabile, grazie all’attuazione preventiva di rigorosi protocolli internazionali.