Angela Giustiniano restauratrice, storica dell’arte, docente abilitata all’insegnamento e copista di quadri famosi e non

dipinto1

Sono Angela Giustiniano una restauratrice, storica dell’arte, docente abilitata all’insegnamento ed una copista di quadri famosi e non.
Il mio amore per la pittura ed il disegno si è manifestato fin da bambina, ma è solo qualche anno più avanti che ho scoperto di volerne approfondire lo studio quando entrai in un laboratorio di pittura e restauro.
L’odore dei solventi e del colore ad olio, che sprigionava quello studio, mi catturò: e solo chi è del mestiere può capire di cosa parlo.
Da lì decido di intraprendere gli studi laureandomi come restauratrice. Ma è proprio durante la tesi di laurea che inizia un appassionante lavoro di documentazione negli archivi
che, affiancato al lavoro di restauro su cui stavo lavorando, ovvero lo studio dei pigmenti che cambiano nel tempo, che il rapporto con il dipinto diviene più diretto.
Decido dunque di voler vivere l’opera in modo diverso, più avvolgente e di continuare così i miei studi per altri anni, divenendo successivamente storica dell’arte.
Questo titolo mi ha portato a recensire e lavorare presso alcune riviste d’arte e a collaborare con gallerie d’arte, nonché a visitare molte città Europee.
Negli anni ho sempre dipinto: all’inizio per svago, nel tempo libero e nei weekend; ma anche questa passione col tempo si è trasformata in un vero lavoro, che amo e approfondisco giornalmente.
La mia non è un arte di emulazione, ma un vero e proprio studio di riproduzione di dipinti dei grandi maestri della storia dell’arte.

Alcuni ritengono che sia più facile riprodurre un quadro che realizzarlo da sé: ebbene, c’è differenza tra un quadro eseguito con l’istinto o emozione del momento e un quadro in cui si è studiata la composizione.
Per realizzare la riproduzione di un quadro, bisogna “entrare dentro il quadro”, studiarne le pennellate, la gradazione e l’intensità del colore, le luci e le ombre.
E si tratta di ciò che ho appreso durante il mio cammino artistico, avendo avuto l’occasione di studiare e
riprodurre le antiche tecniche pittoriche, dalla tempera all’uovo, all’affresco, fino a giungere all’olio su tela. Grazie a questi studi, col tempo, ho imparato più da vicino l’antica arte pittorica, di apprezzarla, di studiarla e di comprendere che è un lavoro antico; che non può essere contaminato dalla fretta, per cui bisogna armarsi di pazienza e studiare con attenzione l’artista che ha realizzato l’opera e capire come l’ha creata, prima di provare riprodurla: solo così si eviterà di trasformarla in automatismo e ogni opera sarà realizzata con studio, amore e potrà durare nel tempo.
http://restauro.awardspace.com/

Loading...