Bologna a 30km/h: il MIT boccia il limite di velocità

Il limite di 30 km/h è già presente in alcune località europee

Aveva fatto discutere non poco la scelta del Comune di Bologna di abbassare il limite di velocità nelle strade urbane a 30km/h. Una scelta che, a detta del sindaco Lepore, avrebbe come missione quella di abbassare sia il numero degli incidenti stradali sia il numero delle vittime della strada.

Sono diverse le città europee che hanno fatto questa scelta, come Parigi e Berlino. In Spagna è stata anche introdotta una legge nazionale che limita il limite di velocità nelle strade urbane a 30 all’ora. “Vogliamo che Bologna sia apripista a livello nazionale sulla sicurezza stradale. Il nostro Paese merita, dopo la legge sull’omicidio stradale e quella sulla sicurezza dei bambini in auto, una legge sulle città 30“, ha sottolineato il sindaco Matteo Lepore . “Spero che il governo guardi Bologna come esempio e inizi a discutere su questo“.

- Advertisement -

La risposta del governo non si è fatta attendere ed è una sonora bocciatura, arrivata direttamente dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti che ha bocciato la scelta del capoluogo dell’Emilia Romagna:

Non appare una scelta ragionevole perché i problemi per i cittadini (in particolare per i lavoratori) rischiano di essere superiori ai benefici per la sicurezza stradale“, ha scritto il Mit in una nota.