Budget symphonia, il nuovo singolo dei Toxine

 

“We want to sing songs from the heart/ but you don’t like us…”. Parla proprio di un’industria discografica che ha intrappolato la creatività degli artisti e appiattito il gusto del pubblico Budget symphonia, il nuovo singolo dei Toxine, la rock band slovena che non vuole essere definita rock band.

e rappresenta la prima incursione in Italia di una band che, nella natia Slovenia, ha riscosso, da quando si è costituita otto anni fa, un crescendo di successi.

Loading...

“There is only ears for what/ has been sold before”. Speriamo non sia così per i Toxine…

I Toxine
L’etichetta di rock band sta loro stretta. Perché quella che i Toxine sostengono è una visione interdisciplinare e olistica dell’arte, che li ha portati, sì, a esprimere sensi e significati per mezzo della musica, ma non soltanto. Da qui, le loro frequenti e sempre ricercate collaborazioni con artisti figurativi e creativi di diversa natura.
Formatisi nella natia Slovenia otto anni fa, i Toxine, ovvero Tomi Toth, frontman e artista performativo eclettico, Samo Turk, chitarra e voce, Žiga Fabbro, saxofono e sintetizzatore, Aleš Zorec, batteria, Eric Čebokli, basso, vantano già una lunga discografia, alla ricerca di una cifra estetica originale. La spiegazione che il gruppo dà del proprio nome è già tutta un programma e molto rivela dell’approccio dei Toxine alla realtà e alla creazione. Racconta, Tomi Toth: “Non lo sapevamo mica, all’epoca, che toxine è una parola francese …

TOXINE_FOTOLa nostra parola Toxine nacque dal nulla… o quasi. Ho preso la parola inglese toxin (pronuncia con accento sulla o) che vuol dire tossina, e le ho dato una “e” alla fine per darle femminilità, eleganza, bontà, yin (nel senso di yin/yang) e soprattutto per togliere la tossicità e il negativismo. E poi mi sono chiesto come pronuncerebbe un inglese questa parola che in inglese non esiste? Beh, non c’è altro modo di pronunciarla se non “toxìn” che, per uno strano caso, è anche lo stesso modo sul quale si pronuncia in sloveno la parola tossina, cioè “toksin”, e anche lo steso modo che i francesi usano per scrivere e pronunciare la loro parola “le toxine” (la tossina). Ma non dimentichiamoci che Toxine non è niente di tossico…”.

Infatti: i Toxine amano immaginarsi come un agente patogeno che non riesca ad ammorbare l’organismo che attacca, così che l’organismo ne uscirà rafforzato.
Con le loro sonorità e i loro testi poco convenzionali, i Toxine hanno riscosso l’attenzione della casa discografica Blue Tattoo Music, che ha deciso di produrre il loro ultimo CD Now o’ clock per far conoscere anche in Italia una formazione che, dagli ambienti underground d’oltreconfine, è già riconosciuta e acclamata.

[youtube AV2D1avZr4o nolink] www.toxine.si

bit.ly/Budget_Symphonia_Toxine

www.soundcloud.com/toxine-1

www.bluetattoomusic.it

 

Potrebbero interessarti anche