Confusione europea: no alle quote dei migranti

sanatoria-2012-per-immigrati-clandestini-domande-a-partire-dal-15-settembre

Non solo la Grecia, ma anche la questione migranti si impone, prepotentemente, nelle agende politiche.
Sembrano giorni (e scelte) difficili quelli che l’Europa dovrà affrontare.

Al vertice “risolutivo” del 25-26 giugno, capi di Stato e governo si lasciano andare a “simpatici” siparietti.
Renzi si infiamma : ” Se non siete d’accordo sui 40mila asilanti da distribuirsi non meritate di essere europei“.
La lituana Gybauskaitè, incalza:
Noi ci dovremmo assumere le vostre responsabilità?”
Renzi,risponde: ” Fate pure,se questo è la vostra idea di Europa, tenetevela. Possiamo fare da soli“.
Poi Renzi rientra, si scusa e spiega: “ Sono uno che si fa prendere dalle emozioni”.

Loading...

Si,ma la questione rimane, e la soluzione?
I richiedenti asilo si accolgono,i migranti economici vengono rimpatriati.
L’intesa raggiunta al vertice, è misera: La redistribuzione di 40.000 migranti,nei prossimi due anni, ci sarà; entro la fine di luglio ogni stato dovrà comunicare quanti migranti è disposto ad accogliere.
Il meccanismo sarà operativo alla fine dell’estate e sarà volontario anche se,il raggiungimento dei 40.000 è obbligatorio.

Le polemiche proseguono e l’unico punto d’accordo sembra quello sull’operazione militare “EunavFor Med”: il “semplice” contrasto agli scafisti.

Eppure, bisognerebbe iniziare a pensare a misure per l’ingresso regolare; perché è impensabile credere che una maggiore severità nei rimpatri possa scoraggiare nuove partenze.
Secondo Amnesty International ( organizzazione non governativa internazionale,impegnata nella difesa dei diritti umani) tra il 2007 e il 2013, l’Unione Europea ha speso quasi due miliardi di euro per “proteggere” le sue frontiere esterne e appena 700 milioni per assistere i richiedenti asilo e i rifugiati giunti sul territorio europeo.

Ma,il mondo e l’Unione Europea dovranno sempre più confrontarsi con flussi migratori misti,in cui le cause saranno molteplici e sempre più complesse.
Ragionare con soluzioni e logiche semplicistiche potrebbe essere pericoloso e comunque, tirare su un muro appare molto più facile.
Che poi questo, sia semplicemente un archetipo mentale dell’uomo, che a poco o nulla serve, non importa.
Perché alla fine,paga. E molto.