Crisi energetica, Meloni: “Occorre strategia comune”

Intanto in Germania Scholz approva maxi decreto di 200 miliardi per imprese e famiglie

Di fronte alla sfida epocale della crisi energetica serve una risposta immediata a livello europeo a tutela di imprese e famiglie“. Lo ha affermato la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. “Nessuno Stato membro può offrire soluzioni efficaci e a lungo termine da solo in assenza di una strategia comune, neppure quelli che appaiono meno vulnerabili sul piano finanziario. Per questo l’auspicio è che nel Consiglio europeo sull’energia di domani, prevalga l’interesse comune e non quello particolare di qualche Stato membro”.

In merito all’unità all’interno del nuovo esecutivo in questo momento complesso Giorgia Meloni afferma che si sente in sintonia con il resto delle forze politiche: “Sul piano dell’unità, a livello interno, si sente garantita? “Mi sento garantita“, risponde seccamente ai giornalisti in merito all’unità di intenti con le altre formazioni politiche.

- Advertisement -

Crisi energetica, Scholz approva maxi decreto di 200 miliardi

Il cancelliere della Germania Olaf Scholz ha intanto approvato un pacchetto di 200 miliardi di euro per aiutare famiglie imprese nel bel mezzo della crisi energetica.

Ci troviamo nel pieno di una guerra dell’energia, sono in gioco benessere e liberta’“: queste le parole del ministro alle Finanze tedesco Christian Lindner a proposito di questo importante decreto sull’abbattimento dei costi.