Giorno memoria: Sala vieta manifestazioni Pro-Palestina a Milano

Le manifestazioni Pro-Palestina nel giorno della memoria stanno diventando un problema per la politica

Ieri, a margine di un incontro con gli studenti a Palazzo Marino, sede del Comune, nell’ambito del Giorno della Memoria, il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha spiegato perchè ha vietato le manifestazione Pro-Palestina che erano state organizzate per il giorno della memoria.

Il prefetto mi ha detto che sono allineati con il ministro Piantedosi, quindi che salvo novità dell’ultimo momento le manifestazioni pro Palestina saranno vietate. Per me è difficile entrare in queste dinamiche e non è una cosa che riguarda solo Milano, quindi penso che sia insensato mettersi a discutere o a commentare una decisione del genere“.

- Advertisement -

E in effetti quanto riportato dal sindaco di Milano corrisponde al vero. Anche a Roma, per decisione della questura, le manifestazioni pro Palestina di domani saranno rinviate e spostate ad altra data. La scelta però non è stata unilaterale, infatti il ministro Piantedosi, uscendo dal Quirinale, ha spiegato ai giornalisti presenti i prossimi passi che il governo intende attuare per permettere alle manifestazioni di avere comunque luogo. Sarebbero in corso incontri con gli organizzatori delle manifestazioni per trovare una nuova data.

Anche la premier Giorgia Meloni ha spiegato la sua posizione in merito:

- Advertisement -

È una questione che ci preoccupa abbastanza in questo momento al di là del merito delle manifestazioni perché in Italia, come sapete, rispettiamo il diritto di manifestare. Ci sta lavorando Piantedosi, vediamo cosa emerge“.