Salvini e la crisi nella Lega: tutti favorevoli all’estensione del green pass

Lega vota a favore dell'estensione del green pass, ma Salvini chiosa: "Non c'è obbligo vaccinale"

Salvini si è ritrovato il solo, anche all’interno del suo stesso partito, a dover combattere contro l’estensione del green pass. “Se continui su questa linea, il paese non ti ascolta” gli avrebbero fatto notare alcuni big leghisti.

Ma Salvini non ci sta, e rilancia: “Il tampone non dura più due, ma tre giorni, ce ne saranno milioni gratuiti, non c’è obbligo di green pass per prendere autobus e metro, non c’è obbligo vaccinale, il lavoro della Lega si sta facendo notare. Le terapie intensive sono vuote al 95%, a ottobre se la situazione sarà migliorata ne trarremo le conseguenze”

Sui congressi, osserva: “Tempo al tempo, verrà il momento. Siamo gli unici a fare i congressi, che certo non si potevano fare nel pieno dell’emergenza Covid. Poi se qualche leghista parlasse di meno e facesse più incontri con i cittadini male non farebbe”.
Quanto a una federazione di centro destra: “Chiedete a Forza Italia: io ho fatto una proposta, non voglio forzare nessuno, se hanno voglia bene, se non hanno voglia bene lo stesso”

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.