Coronavirus: stop all’attività fisica, alla corsa e ai parchi

Come promesso, il governo ha attuato nuove misure restrittive per combattere il coronavirus.

Coronavirus kit sicurezza lavoratori
Photocredit: https://it.wikipedia.org/wiki/File:Giovanni_Grasso_and_Giuseppe_Conte.jpg

Dopo le voci di ieri, il governo ha attuato delle nuove misure, ancora più rigide, per combattere il coronavirus. La nuova ordinanza, che si affianca a tutte le restrizioni già attive, sarà valida dal 21 marzo, cioè oggi, fino al 25 marzo. Come suggerito, è stato confermato lo stop alle attività fisiche all’aperto. È possibile fare attività fisica da soli e soltanto nelle vicinanze della propria abitazione. Ovviamente, sempre tenendo la distanza di 1 metro dalle altre persone

Tra le altre misure già suggerite ieri da alcune fonti di governo, troviamo la chiusura degli esercizi alimentari nelle stazioni ferroviarie e lo stop agli spostamenti verso le seconde case. Quest’ultima restrizione però riguarda solo i giorni festivi, diversamente da quanto si era pensato inizialmente.

Lotta al coronavirus: le misure della nuova ordinanza sull’attività fisica

L’ordinanza include anche altre misure inedite, come il divieto di accesso al pubblico nei parchi, nelle ville, nelle aree gioco ed infine nei giardini pubblici. Infine, non è nemmeno possibile svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto. Insomma, come promesso questa volta il governo ha effettivamente varato delle regolamentazioni più dure. Niente più corse e attività fisica, sarà possibile solo nei pressi della propria abitazione sempre distanziati da un metro.

Nel frattempo a Roma iniziano anche dei rigidi controlli sulle persone che camminano per la strada. “si raccomanda fermezza nei controlli degli spostamenti a piedi” possiamo leggere nella disposizione di servizio voluta dal Comando Generale della Polizia locale di Roma. Misure ancora più stringenti che riguardano anche il controllo nei parchi. “esiste un preciso divieto di ingresso nei parchi ed anche l’esercizio di attività motoria deve essere svolta nel rispetto del distanziamento interpersonale ed evitando aggregazione di persone” si conclude la nota ufficiale.

Al momento non sappiamo se in futuro il governo attuerà altre misure ancora più ferree. Probabilmente potrebbe sia allentare che intensificare le restrizioni in base ai dati che vengono condivisi dalla Protezione Civile giorno per giorno.