Reddito di cittadinanza: i dati ufficiali di chi ha trovato lavoro

Ecco i primi dati ufficiali sul reddito i cittadinanza

Mimmo Parisi, presidente dell’Agenzia nazionale politiche attive del lavoro, ha diffuso i dati relativi alla correlazione tra i centri per l’impiego e la richiesta di lavoro da parte dei beneficiari. Per Parisi, i centri stanno svolgendo un compito encomiabile, ed inoltre annuncia che per i disertori è prevista una comunicazione all’INPS ed una successiva sanzione.

Reddito di cittadinanza: i dati ufficiali di quanti hanno trovato lavoro

Secondo i dati appena menzionati, coloro che hanno trovato lavoro grazie al sistema previsto dal reddito di cittadinanza sono 18 mila. Ai centri per l’impiego si sono presentati 200 mila soggetti che percepiscono il reddito di cittadinanza. Al contempo, su molti giornali si stanno diffondendo dati e notizie non verificate.

I navigator messi a disposizione dall’Anpal sono 3mila, già tutti operativi. Per quanto concerne i navigator campani, essi sono stati contrattualizzati solo di recente, pertanto saranno operativi a breve. Inoltre, l’agenzia sta fornendo supporto alle regioni per facilitare l’accompagnamento al lavoro. Secondo quanto stimato, sono più di 700mila gli individui, beneficiari del reddito di cittadinanza, che verranno convocati dai centri per l’impiego al fine di trovare un lavoro.Essi sono considerati “occupabili”, mentre alcuni soggetti sono esentati (persone con disabilità, soggetti dai 65 anni in poi, frequentanti di corsi di formazione ecc.)

Considerando la portata della riforma e il numero di persone coinvolte, stiamo procedendo a ritmi da record, visto che tutto questo è avvenuto nell’arco di sei mesi” ha affermato Parisi, “Per i risultati in termini di posti di lavoro occorre tenere presente che vanno prima svolte tutte le attività propedeutiche che stiamo attuando in queste settimane. Ma intanto circa 18mila beneficiari hanno trovato un’occupazione.

Iweblab