Roma: restrizioni alla Fase 2, mascherine obbligatorie

Coronavirus Roma: obbligo dell'utilizzo di dispositivi per la protezione e nuove regole in auto

Negozi aperti e mezzi pubblici in strada. A Roma, la mascherina sarà d’obbligo anche in ufficio, ed ovviamente, all’aperto. Infatti, la mascherina sarà d’obbligo sia in ufficio, ma anche se ci si ferma a parlare con un’altra persona, lungo la strada. Per spostarsi in auto, invece, le restrizioni diminuiscono, anche se limitatamente. Le linee guida, prevedono l’utilizzo di mascherine in ambienti chiusi e nei luoghi accessibili al pubblico. Nei luoghi di lavoro, sono previste l’installazione di barriere e procedure di sanificazioni, costantemente. Inoltre, requisito fondamentale sui luoghi di lavoro, sarà la rilevazione della temperatura corporea. Anche i bar ed i ristoranti, dovranno misurare la febbre ai clienti.

I cambiamenti dei trasporti pubblici

Le corse di bus e metro, termineranno alle 23.30. I mezzi pubblici, viaggeranno con capacità dimezzata, per far rispettare le distanze di sicurezza. I controlli, saranno effettuati dai volontari della Protezione Civile, in stretta collaborazione con i Vigili.

Trasporto privato

Per quanto concerne il trasporto privato, tutta la famiglia potrà spostarsi, insieme, in auto. Questa misura, riguarda lo stesso nucleo familiare. Al contrario, la macchina, potrà essere utilizzata, da più passeggeri di un diverso nucleo familiare, nel pieno rispetto della distanza di un metro e con le dovute precauzioni.

Organizzazione fasce orarie

I negozi apriranno in 3 fasce orarie. Il settore riguardante gli alimentari aprirebbe entro le 8, per chiudere alle 15. Gli artigiani aprirebbero intorno alle 10, con chiusura entro le 19. Librerie e cartolerie, aprirebbero intorno alle 10, con chiusura entro le 18.

Ville e parchi

Ammessa la riapertura di parchi e ville, accessibili, ma con le dovute cautele. Il Sindaco Raggi, ha confermato il divieto di assembramento. L’ingresso è ammesso, solo a chi non presenta sintomi da infezione respiratoria e febbre, oltre a non essere in quarantena. Per quanto concerne le persone non completamente autosufficienti, possono passeggiare con l’accompagnatore, sempre nel rispetto della distanza di sicurezza. Vietato fare feste o pic-nic.