Autonomia differenziata, Landini: “è una follia”

L'attacco del segretario CGIL al governo Meloni

Non solo Bersani con le sue metafore, il quale ha definito l’Autonomia Differenziata come “il maiale di tutti prosciutti” di Calderoli, anche Maurizio Landini, segretario della CGIL, non le manda a dire al governo Meloni durante l’assemblea generale del sindacato regionale friulano a Tricesimo:

L’autonomia differenziata è una follia, perché raccontare che una singola Regione possa reggere la concorrenza con gli Usa o con la Cina è una sciocchezza e una bugia. Si determina così una competizione al ribasso, invece di fare sistema“.

- Advertisement -

Un giudizio che non lascia spazio a interpretazioni quello dato dal segretario generale della CGIL che poi rincara la dose:  “È una scelta sbagliata, che penalizza il sud, ribadisco che una logica che porta a 20 sistemi sanitari, 20 sistemi scolastici, 20 politiche industriali è una follia, vuol dire non avere la percezione della dimensione ormai europea e mondiale dei problemi che dobbiamo affrontare“.

Insomma il testo del DDL autonomia deve ancora essere approvato alla Camera dei Deputati e già sta facendo discutere la politica e le parti sociali, generando una polemica infuocata che non accenna a placarsi.